I cassetti dell’anima mia

cassettiera
… “E’ stato molto difficile guardare nei cassetti dei miei ricordi, dover scegliere quelli da mostrare e quelli da ricacciare ancora più in fondo.
Quello che urgeva era raccontare delle mie radici, scoprire come sono ancora salde nel suo terreno, di come hanno resistito alle intemperie e all’incuria involontaria di chi li aveva in custodia.
Forse un giorno racconterò delle foglie e delle cime del meraviglioso albero che rappresenta la mia vita.
Molti cassetti sono rimasti chiusi, sono ancora lì, come un vestito in cui è ancora appiccicata la sua etichetta.
Di una cosa sono certa, solo provando tenerezza e comprensione per il nostro passato possiamo nutrire e rendere ancora più rigoglioso il nostro albero.
Sono fiera della mia vita, di come ho abitato il mondo, delle relazioni affettive e umane che ho saputo creare e coltivare.
So che posso davvero comprendere il dolore degli altri perché ho saputo prendermi cura delle mie ferite“…

Graziella Puglisi

 

Seguici su:
RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
LinkedIn

Un commento su “I cassetti dell’anima mia”

  1. Cara amica, trovò molto bella la presentazione del tuo lavoro, invidio la tua sicurezza nei confronti del tuo vissuto, mi dai spunto per agire nella direzione di apprezzare fino in fondo come ho vissuto e quello che ho realizzato sino ad ora per me e per gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Verifica anti-spam *